venerdì 30 giugno 2017

Trota salmonata con salsa di piselli e "terra" di olive

Trota salmonata con salsa di piselli e "terra" di olive
Sto riscoprendo da qualche tempo ciò che mi piaceva mangiare da bambina e che sapevo di trovare sulla tavola al rientro da scuola... tutta contenta mi pregustavo quel momento durante il tragitto a piedi fino a casa. Molto spesso il mio buon pranzetto prevedeva trota salmonata e patate al forno che puntualmente consumavo con generose cucchiaiate di maionese... la goduria più goduriosa al mondo per quell'età! 
Solo pochi anni fa, suppergiù da quando è nato Pietro, ho riscoperto il piacere di questo cibo delizioso, (chissà poi perchè dimenticato) nutriente e ricco di grassi buoni. 
Per fortuna si ritrova spesso in carta nei ristoranti più interessanti, ed io ne approfitto quasi sempre per le diverse oppurtunità che offre. Posso tranquillamente dire che ormai la trota salmonata rientra nella nostra spesa settimanale.
Oggi ve la proponiamo in versione moderna, per così dire... visto l'impiattamento, ma è altrettanto divina servita in modo tradizionale e perchè no, accompagnata da patate al forno croccanti e una montagna di maionese... ops... forse meglio non superare la dose di un cucchiaio;-)

Lo sapevi che?...
La trota salmonata è disintossicante, povera di colesterolo e ha un alto contenuto di acidi grassi Omega 3.
I piselli freschi sono ipocalorici, contengono ferro, fosforo, magnesio, calcio, potassio, vitamine A, B1, C e tantissimi altri microelementi.
Le olive contengono sostanze antiossidanti e antinfiammatorie.


TROTA SALMONATA CON SALSA DI PISELLI E "TERRA" DI OLIVE

INGREDIENTI per 4 persone:
  • 3 filetti di trota salmonata
  • 200 gr. di piselli (già sgusciati)
  • 50 gr. di grissini
  • 25-30 olive Taggiasche
  • olio EVO q.b.
  • sale q.b.
PREPARAZIONE:
Salsa di piselli: lessate i piselli in acqua bollente salata per 10/12 minuti, scolateli e raffreddateli in acqua e ghiaccio per mantenerne il colore. Scolate i piselli e frullateli con un filo di olio EVO diluendo con un po' di acqua di cottura fino a raggiungere una consistenza cremosa. Regolate di sale e tenete la crema in caldo.

Terra di olive: frullate con un robot da cucina i grissini e le olive fino ad ottenere una consistenza simile alla "terra".

Trota salmonata: eliminate le spine dai filetti di trota con un paio di pinzette, sciacquateli velocemente, asciugateli molto bene e divideteli in piccoli tranci. Scaldate un filo di olio EVO in una padella antiaderente, adagiate i filetti dalla parte della pelle e cuoceteli a fuoco medio per 3-4 minuti. Salateli e girateli; spegnete il fuoco e lasciateli ancora 2 minuti nella padella.

Composizione del piatto: sistemate nei piatti di portata la salsa di piselli, adagiatevi sopra i tranci di trota e completate con la "terra" di olive, qualche pisello e un filo di olio EVO.

venerdì 9 giugno 2017

Cheesecake al cioccolato con ciliegie e tofu

cheesecake al cioccolato con ciliegie e tofu


Quando il caldo si fa sentire, inizio ad avere voglia di preparare la cheesecake.
Dopo anni e anni di tentativi, ho collezionato ad oggi almeno 20 ricette differenti, alcune azzeccate, che mi stupiscono sempre tanto sono squisite, altre meno entusiasmanti. Ma chissà perchè, non mi accontento praticamente mai, così cerco sempre valide alternative, magari più sane, leggere... diverse! Non so ancora che diavolo cerco, ma conto di scoprirlo in fretta. 
Oggi, giusto per complicarmi la vita, mi sono impantanata in quel mondo "vegan style" tanto complesso, perdipiù dolce. Oh my God! Qui sono cavoli!!
Di cheesecake ha praticamente solo il nome... e già qui è tutto un programma... ma qualcosa in comune c'è, quantomeno l'aspetto;-)
La ricetta è stata praticamente sviluppata con un'idea approssimativa di partenza e poi modificata in corso d'opera utilizzando il mio adorato elisir di acero, per conferirle una dolcezza divina. Ho utilizzato poi le ciliegie, che adoro e non mi stancherei mai di mangiare e che rendono qualsiasi dolce irresistibile al primo sguardo.


CHEESECAKE AL CIOCCOLATO CON CILIEGIE E TOFU

INGREDIENTI per uno stampo da 20-22 cm. di diametro:
  • 400 gr. di tofu vellutato (kinugoshi tofu)
  • 280 gr di cioccolato fondente al 70%
  • 10 gr. sciroppo d’acero
  • ½ bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaio di cherry (facoltativo)
Per la base:
  • 150 gr. di biscotti integrali o all'avena
  • 50 gr. di mandorle
  • 50 gr. di datteri
  • 30-40 gr. di succo di mela
  • 2 cucchiai di olio di cocco
Per la composta di ciliegie:
  • 200 gr. di ciliegie snocciolate
  • 1 cucchiaio di miele di acacia
  • 3-4 cucchiai di acqua
  • 1 gr. di agar agar oppure 2 gr. di gelatina (1 foglio)

PREPARAZIONE:
Per la base: mettete le mandorle, i biscotti, i datteri, l'olio di cocco nel robot da cucina e tritate tutto finemente, unite il succo di mela e amalgamate bene. Rivestite lo stampo con la carta forno, distribuite sul fondo il composto e pressatelo in modo da creare una base compatta. Fate raffreddare in frigorifero.

Sciogliete il cioccolato al microonde. Nel frattempo, mettete il tofu, i semini estratti dalla bacca della vaniglia, lo sciroppo d’acero e lo cherry (se lo usate) nel robot da cucina e mixate fino ad ottenere una crema. 

Prendete il cioccolato fuso e aggiungetelo alla crema di tofu, frullate bene e versate la crema ottenuta sulla base di biscotti. Fate raffreddare in frigorifero per due ore.

Per la composta di ciliegie: versate l’acqua, il miele e le ciliegie in un pentolino, lasciate sobbollire una decina di minuti. Separate le ciliegie dallo sciroppo con un colino, unite l’agar agar allo sciroppo e fate bollire per un minuto. Riunite le ciliegie con lo sciroppo e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
Togliete la cheesecake dal frigorifero, guarnite con la composta di ciliegie e riponetela in frigorifero per un’altra mezz'ora. 


lunedì 22 maggio 2017

Crocchette di miglio con salsa di peperoni

Crocchette di miglio con salsa di peperoni

Spesso o meglio t u t t i  i  g i o r n i, in consulenza, mi viene chiesto come si possa mangiar sano fuori casa, quando 5 giorni su 7 siamo obbligati a consumare il nostro pranzo in ufficio o  i più fortunati seduti su una panchina al parco. La pausa pranzo intelligente diventa fondamentale per seguire una sana alimentazione... non possiamo permetterci di ripiegare quotidianamente su panini, piadine & co. da sbocconcellare in velocità. Un po' di impegno, serenità e la sola parola d'ordine: organizzazione. Non sempre si riesce, so già, e tante volte quel pezzetto di pizza al volo ci salva, per fortuna. Ogni tanto, si può fare. Ceeerto!
Una proposta io ce l'ho e di sicuro dà molta soddisfazione. Personalmente mi ha salvato il pranzo nelle giornate intense tra un cliente e l'altro fuori casa, e molte volte è stata una divertente alternativa alla pasta o al riso da portare in tavola.
Come tutte le cose per le quali vale la pena attendere, questa ricetta richiede un po' di sacrificio. E qui... a molti verrà l'orticaria... ma fidatevi... mezz'oretta da dedicarvi in cucina e vi ritroverete una quantità industriale di deliziose crocchette pronte all'uso, da surgelare o conservare in frigorifero per la settimana. Il miglio è il cereale ideale (tra l'altro l'unico alcalino) perché si presta molto bene a questo tipo di preparazioni grazie alla sua consistenza pastosa.
La mia versione è super sana, giusto per stare in tema benessere.
I bambini le adoreranno, senza considerare che saranno anche un'ottima alternativa per gli amanti del "senza glutine". 


CROCCHETTE DI MIGLIO CON SALSA DI PEPERONI

INGREDIENTI per circa 30 crocchette:
  • 200 gr. di miglio
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 20 gr. di sesamo
  • 1 foglia di alloro
  •  un ciuffo di prezzemolo
  • 20 olive Taggiasche
  • farina di riso o pane integrale grattugiato q.b.
Salsa di peperoni:
  • 1 peperone rosso
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio EVO q.b.
  • Sale q.b.

PREPARAZIONE:
Prima della cottura, lavate accuratamente il miglio con acqua fredda. Versatelo poi in una pentola capiente, unite la foglia di alloro e copritelo con una quantità di acqua rispettando questa proporzione: 400 ml. di acqua per 100 grammi di cereale.
Portate al punto di bollore a fuoco vivace e, una volta raggiunto, aggiungete il sale, abbassate la fiamma, coprite col coperchio e fate cuocere per circa 20 minuti. Durante la cottura mescolate di tanto in tanto il miglio per evitare che si attacchi sul fondo. A fine cottura, spegnete il fuoco e lasciate riposare per almeno 15-20 minuti in modo da fare assorbire l’eventuale acqua in eccesso.

Tritate con un robot da cucina le carote e la cipolla, fatele sudare in una padella con un filo di l’olio EVO e 2 cucchiai di acqua finché diventano tenere. Mescolate bene il miglio con il prezzemolo tritato, aggiungete le carote e la cipolla, il sesamo tostato e le olive tritate grossolanamente. Se necessita, unite un po’ di farina di riso o pangrattato; amalgamate tutto e regolate di sale. 
A questo punto, aiutandovi con le mani, formate delle polpette e adagiatele su una teglia rivestita con carta forno. Cuocete le crocchette in forno caldo a 170° per circa 25-30 minuti.

Per la salsa di peperoni: in una casseruola fate sudare l'aglio con un filo di olio, unite il  peperone tagliato a pezzi, salate e fate saltare un paio di minuti a fuoco vivace. Aggiungete un bicchiere di acqua e fate cuocere 15 minuti a fuoco medio. Ultimate eliminando l'aglio e passate tutto al minipimer aggiungendo un filo di olio EVO.

martedì 25 aprile 2017

Hummus di fagioli cannellini

Hummus di fagioli cannellini

Per fortuna tutto cambia. I gusti, le scelte, le mode, le manie... In fatto di cibo i legumi per me, col passare del tempo, sono diventati una grande sorpresa. Da bambina li detestavo e quando mi mettevo a tavola davanti ad una zuppa di ceci oppure ad una pasta e fagioli, l'allegria di quell'età svaniva... ciò che era portato in tavola si mangiava, senza repliche. (Manco fossimo in tempo di guerra... si parla di pochissimi anni fa...mmmh... più o meno;-) Oggi comprendo che questo ragionamento non trova una ragione di esistere, ogni individuo ha gusti propri che deve assecondare per il suo benessere, ma si sa, le cose un tempo giravano così un po' in tutte le case. 
Per fortuna dei bambini di oggi, le mamme ora sono più flessibili con i gusti dei propri figli... e nemmeno a farlo apposta il mio mangerebbe tutti i giorni minestre di legumi e paté;-)
Decantare le virtù di ceci, lenticchie, fagioli & co. di certo non servirà a convincere chi proprio non ne sopporta il sapore... vero peccato... darebbe una grande spinta al proprio benessere.
Ogni tipo di legume ha una grande versatilità e riesce a sostituire degnamente tutte le proteine animali avendo l'accortezza di abbinarlo ad una fetta di pane o ad una porzione di cereale. 
Da quando in casa l'alimentazione si è evoluta verso una direzione più salutare, non ci facciamo mai mancare creme spalmabili, sformatini, zuppe e tutto ciò che contiene un legume. Anche i nostri panini del pranzo al sacco prevedono una bella spalmata di hummus con verdurine a gogò. Tra tutte le varianti provate, l'hummus ai cannellini è il più soddisfacente.
La ricettina è veloce, semplicissima e replicabile da chiunque. Chi ha poco tempo gradirà. Si conserva in frigorifero due/tre giorni, così quando rientriamo a casa dal lavoro affamati, basterà spalmarne un pochino su un crackers in attesa di mettersi a tavola... più sano e rapido di così? 


HUMMUS DI FAGIOLI CANNELLINI

INGREDIENTI per 6-8 persone:
  • 350 gr. di fagioli cannellini cotti (150 secchi) 
  • 2 cucchiai di tahina (crema di sesamo) 
  • 1 cucchiaino di olio all’aglio
  • 1 cucchiaio di olio EVO 
  • 2 cucchiai di aceto di mele 
  • 2 cucchiaini di senape delicata 
  • ½ cucchiaino di sale  
  • 3-4 rametti di timo o rosmarino 
  • ½ bicchiere di acqua 
  • germogli di ravanello (o di altro tipo) 

PREPARAZIONE:
In un robot da cucina (cutter), unite tutti gli ingredienti (tranne l'acqua, il timo e i germogli).
Frullate fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio, aggiungete l'acqua ed infine regolate di sale. Unite le foglioline di timo e frullate brevemente in modo da incorporarle. Servite l’hummus su fette di pane integrale tostato, completando con un filo di olio EVO e germogli di ravanello.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...